Psicologia giuridica

Orientamento scolastico
25 maggio 2017
Disturbo specifico di lettura: Dislessia
26 maggio 2017

Nei casi, ad esempio, di abuso sessuale o nella valutazione di una testimonianza giudiziaria o per l’affido dei minori, spesso giudici ed avvocati si rivolgono agli psicologi  giuridici (inserire una breve definizione di questa figura professionale). Lo stesso può avvenire per le condotte delinquenziali e gli interventi rieducativi, per le consulenze e le perizie penali o anche per quelle civili, come per esempio nelle situazioni di mobbing o nella valutazione del danno biologico di tipo psichico e danno esistenziale.

 

La psicologia giuridica si articola in diversi campi d’indagine:

 

la psicologia criminale, il cui studio è rivolto ai fattori psico-sociali e ai disturbi psichici da cui si sviluppano i fenomeni criminali; la psicologia giudiziaria, cioè lo studio dell’imputato di un delitto e il rapporto tra questi e le altre figure del processo penale (giudici, difensori, testimoni, parti lese ecc.); la psicologia carceraria, lo studio sulla condizione psicologica dei detenuti, finalizzato al loro recupero psicologico e alla loro risocializzazione; la psicologia legale, cioè l’analisi psicologica dei contesti giuridici (reato, processo penale, carcere).

 

La nostra consulenza può essere utile nell’area del Diritto Civile, Penale e Minorile nei casi di:

 

– separazione e Divorzio;

– affidamento;

– adozione;

– audizione protetta di minori;

– valutazione dell’attendibilità della testimonianza;

– risarcimento danno biologico di tipo psichico ed esistenziale;

– mobbing;

– maltrattamento e sospetto Abuso di minori.

Seguono i requisiti minimi per l’inserimento negli Elenchi degli Esperti e degli Ausiliari dei Giudici presso i Tribunali:

 

  1. Anzianità di iscrizione alla sezione A dell’Albo degli Psicologi di almeno 3 anni;

 

  1. Competenze: il professionista deve presentare una documentazione dalla quale si evinca la formazione e/o l’attività nella specifica area della psicologia Giuridica e Forense per un periodo complessivamente non inferiore a 3 anni. Per operare nell’area dell’età minorile sono necessarie particolari competenze relative alla Psicologia dello Sviluppo e alle dinamiche della coppia e della famiglia.